1 settembre 2015

Si torna a scuola!


Ormai mancano pochi giorni al rientro a scuola: gli ultimi compiti da finire, gli acquisti da fare,  l'attività sportiva da organizzare e la routine che riprende.


E i pasti?
Si ricomincia con merendina a metà mattina, mensa, panino-al-volo prima dell'attività sportiva, cena veloce con tutta la famiglia?
E quando arriva dicembre i ragazzi hanno già perso i vantaggi dell'estate e cominciano a rendere di meno...
Forse è il momento di organizzare meglio anche i pasti, ma ci vogliono un po' di pazienza e alcune idee chiare.
  • Non si può arrivare al primo giorno di scuola per imporre una prima colazione: l'abitudine deve essere costante. Alzarsi 5 minuti prima può essere faticoso, ma la mattinata parte con un'altra energia
  • E' importante informarsi sul menu della mensa e in base a quello organizzare la cena
  • Non cedere al primo rifiuto dei ragazzi per i pasti in mensa, il passaggio dalla cucina "di casa" ad una mensa è sicuramente difficile e va aiutato. In caso contrario diventa impossibile gestire i pasti regolarmente.
  • Programmare i menu di famiglia considerando anche quello che può essere proposto da chi vi aiuta (nonni, zii.....) in modo da evitare ripetizioni o menu monotoni.
  • Le merende devono essere proporzionate con l'esercizio fisico e l'attività sportiva.
  • Controllare che l'assunzione di acqua sia regolare e costante anche nei periodi più freddi dell'anno.
  • La cena deve essere leggera, soprattutto se, per motivi di famiglia, l'orario è tardivo: in caso contrario la qualità del sonno e della colazione diventeranno critici.
  • Evitare la sedentarietà organizzando dei momenti di attività all'interno della giornata: come muoversi a piedi, fare le scale, aiutare nelle attività di casa o nella spesa...

E, se non sai da che parte cominciare, chiedi aiuto ad un nutrizionista....

Nessun commento:

Posta un commento